NOTE PER LA CONSULTAZIONE

NOTE PER LA CONSULTAZIONE DEL BLOG:

Per leggere, scorrete la pagina verso il basso. Il blog è come una rivista che va "srotolata" anziché sfogliarla. Ogni nuovo articolo sposta in basso i precedenti, che però non vengono cancellati e restano sempre accessibili.

La grafica del blog è ottimizzata per gli schermi dei computer.
Se leggete da un telefono o tablet, vi consigliamo di tenerlo in posizione "orizzontale" e regolare bene lo zoom

Per trovare rapidamente tutti gli articoli del blog, potete utilizzare l'Indice Visuale suddiviso per categorie.
Per la ricerca di temi, luoghi o artisti specifici usate la casella Cerca nel Blog oppure l'Indice Alfabetico degli argomenti e degli artisti sul lato destro della pagina, scorrendo un poco verso il basso. Sempre sul lato destro trovate gli elenchi degli Articoli più recenti e degli Articoli più letti.

Tutti i post sono aperti a commenti. Se non avete un account Google, potete commentare come "anonimo" (vedi figura), firmando poi -se volete- nel testo del commento stesso.

Per contattarci:
Rita Castigli ritacastigli@libero.it
Aurelio Stoppini aureliostoppini@libero.it


giovedì 23 febbraio 2012

Corifeo pensoso

Franco Venanti, l'artista e il suo atélier


Franco Venanti


Che cosa scrivere di Franco Venanti? 
I suoi quadri hanno ispirato bellissimi testi di commento a critici e scrittori come Mimmo Coletti, Eugenio Giannì, Massimo Duranti, Enrico Vaime, Francobaldo Chiocci, Paul Cahill, Renzo Pardi, per citarne solo alcuni. 
Questo è uno dei suoi grandi pregi: suscitare riflessioni che non possono in nessun caso limitarsi a etichette e inquadramenti in questa o quella corrente o tendenza. 
Con Venanti le armi del critico d'arte si spuntano contro la libertà del ricercatore inesausto di verità più che di forme. La critica perciò diventa riflessione sulla esperienza umana, meditazione commossa sul vivere e il ricordare, lettura sofferta di segni che incidono il cuore delle cose.


Franco Venanti nel suo studio

C'è sempre una ricchezza problematica divertita o indignata nelle sue tele che sfidano l'intelligenza e ne pretendono l'impegno, senza rovinare l'incanto che la bellezza suscita.
Venanti non è mai stato pigro. Mio padre, uomo di grande cultura, era tra i suoi amici e ricordo che, quando rispondevo io al telefono, Venanti mi sfidava in conversazioni interminabili in cui si metteva in discussione ogni comoda certezza. Ancora oggi la sua curiosità e ricerca non hanno tregua.

La sua fantasia naviga sempre nel tempo, però mai in modo lineare. 
Momenti diversi si sovrappongono in trasparenze che evocano un oggi e un allora, un luogo che è altrove ma è anche qui nel gesto del pittore, alluso nella tesa del borsalino o nel suo profilo assorto davanti alla tela. 
La sua presenza sulla scena, defilato e con i pennelli in mano, ne fa il corifeo pensoso, spettatore partecipe che, levando il suo canto di segni e di colori, salva i sogni dal naufragio dell'oblio.


Franco Venanti


Sta bene Franco nel suo studio, un incredibile bric-à-brac pieno di oggetti che hanno avuto la loro esistenza nel mondo esterno ed ora trovano una ragione di vita e creano entropia nello spazio venantiano, la sua "bottega fantastica". 
La magia notturna della favola si attua sulle tele di Franco dove tutto si anima e si rimette in corsa, dove le distanze del tempo e dello spazio vanno ad annullarsi in quelle infinite dell'universo in espansione. 
E senza amarezza l'artista sorride.


Franco Venanti con un'allieva

Collegamento al sito web di Franco Venanti:


Franco Venanti

Franco Venanti







Franco Venanti nel suo studio


Vi segnaliamo anche queste interessanti interviste a Franco Venanti su YouTube:

ReteSole

Intervista doppia con Roberto Battiston

2 commenti:

  1. Vittoria Bartolucci26 febbraio 2012 07:50

    L'articolo mi ha permesso di "entrare" finalmente nello studio di Franco, cosa che desideravo da tanto, ma che per ragioni di tempo rimando da anni, nonostante i suoi ripetuti inviti.E questo grazie alle nitidissime fotografie che in parte danno l'impressione di trovarsi all'interno del suo luogo di lavoro e d'incontrarlo incorniciato dagli "oggetti" (quelli visibili) della sua arte, e in parte lo mostrano in primo piano, tanto da poter credere di trovarsi a tu per tu con lui e di poter scambiare qualche opinione. Ma questo grazie anche alle parole di Rita (parole profonde, piene di ammirazione ma anche di affetto, intessute però, come sempre, in un periodare lieve come una piuma che accarezza ciò che descrive) che permettono di conoscere meglio l'artista, momenti della sua vita, il suo pensiero.

    RispondiElimina
  2. Maria Stella Giovannelli27 febbraio 2012 19:22

    Conosco da molti anni il M° Franco Venanti ed ho avuto il piacere di visitare più volte il suo studio di Via Bruschi. Ogni volta rimango affascinata nel vedere le sue belle tele in fase di elaborazione e tutti gli altri oggetti, che in qualche modo mi suscitano curiosità ed interesse. Guardando le ottime foto, mi sembra quasi di sentire l'odore dei suoi colori ad olio. Penso che sia il più originale studio di qualsiasi altro artista.Il M° Franco Venanti per me è sicuramente uno dei più grandi pittori figurativi.Grazie,Rita e Aurelio, per l'articolo e le foto.Auguri e tanti complimenti. M.Stella Giovannelli

    RispondiElimina