NOTE PER LA CONSULTAZIONE

NOTE PER LA CONSULTAZIONE DEL BLOG:

Per leggere, scorrete la pagina verso il basso. Il blog è come una rivista che va "srotolata" anziché sfogliarla. Ogni nuovo articolo sposta in basso i precedenti, che però non vengono cancellati e restano sempre accessibili.

La grafica del blog è ottimizzata per gli schermi dei computer.
Se leggete da un telefono o tablet, vi consigliamo di tenerlo in posizione "orizzontale" e regolare bene lo zoom

Per trovare rapidamente tutti gli articoli del blog, potete utilizzare l'Indice Visuale suddiviso per categorie.
Per la ricerca di temi, luoghi o artisti specifici usate la casella Cerca nel Blog oppure l'Indice Alfabetico degli argomenti e degli artisti sul lato destro della pagina, scorrendo un poco verso il basso. Sempre sul lato destro trovate gli elenchi degli Articoli più recenti e degli Articoli più letti.

Tutti i post sono aperti a commenti. Se non avete un account Google, potete commentare come "anonimo" (vedi figura), firmando poi -se volete- nel testo del commento stesso.

Per contattarci:
Rita Castigli ritacastigli@libero.it
Aurelio Stoppini aureliostoppini@libero.it


domenica 3 febbraio 2013

Carapace di Arnaldo Pomodoro


Il segno di un genio nel paesaggio umbro

bevagna


Sembra emergere dalla terra una cupola larga e percorsa da crepe che un'energia interna primordiale come di vulcano ha aperto sulla superficie tesa e luminescente. Un'impressione di possente bellezza si sprigiona da lì, nella piccola conca erbosa mentre i colli intorno sono dipinti col rosso vivo del sagrantino o disegnati dalle grafie simmetriche dei vigneti quando sono spogli in inverno.

carapace


Il progetto ha visto condivisi i significati e le speranze da parte dei committenti, la famiglia Lunelli, mecenati e lungimiranti, e dell'artista che da radici profonde spicca il suo volo di genio visionario. Doveva essere una cantina, ma anche un luogo in cui trovassero espressione la divina creatività della terra e quella dell'uomo, l'armonia che insieme realizzano nell'arte. 

carapace

La tradizione del vitigno antico originale di questi colli sta vivendo una rinascita colta e consapevole, anzi un Rinascimento in cui il legame con il Genius Loci, nelle parole di Marcello Lunelli, è interpretato e rispettato ... la tartaruga, simbolo di stabilità e longevità, rappresenta l'unione tra la terra e il cielo riconoscibile nella copertura in rame segnata da una trama di solchi e crepe...


bevagna

La superficie ramata dell'interno si flette a costruire una volta articolata lungo archi e costoloni vibranti di luce. 
Una scultura certamente, ma nella quale si può entrare con il passo della piccola Alice in Wonderland.
La vigoria fantastica si concretizza nel rigore costruttivo che dà forma sensibile ad un sogno, provocando un gioioso stupore.


carapace


bevagna

sagrantino

Poi c'è la discesa nel cuore del Carapace dove un misterioso quasi mistico silenzio accarezza le curve delle botti disposte in cerchio intorno alla cella centrale illuminata da un oculo verso il quale converge la volta con un moto a spirale, lento come il tempo che trasforma l'esperienza in profumo e fa eterno il valore della bellezza.


tenuta castelbuono

sagrantino


sagrantino


carapace

cantina castelbuono

Link al sito web della Tenuta Castelbuono
Il Carapace si trova sulle colline presso Bevagna (PG)

5 commenti:

  1. Emidio De Albentiis4 febbraio 2013 13:40

    Magnifiche fotografie, parole giustamente ammirate nei confronti della magica e possente bellezza di questa opera davvero unica. Grazie!

    RispondiElimina
  2. E'incedibile come a pochi passi dalla città si possa ammirare un'opera fuori dal comune ilustrata da foto impeccabili! molto bene.

    RispondiElimina
  3. Siete bravi e raffinati,nella forma e nel contenuto critico..Ennio Boccacci

    RispondiElimina
  4. belle foto! complimenti aurelio!

    RispondiElimina
  5. All'unisono la voce di Rita e l'obiettivo di Aurelio descrivono la superficie esterna del "Carapace" e penetrano nel suo cuore rivelando il fascino della sua struttura interna (l'intrecciarsi degli archi interrotti, il fluire delle volute,la varietà dei materiali usati, i giochi di luce...).All'unisono descrivono il suo rapporto col paesaggio intorno e col frutto del lavoro dell'uomo,regalano preziosi flash sull'autore dell'opera (la sua ispirazione, l'amicizia con chi gliel'ha commissionata...), raccontano sensazioni di quanti (come i piccoli uomini, quasi formiche al suo confronto, fotografati all'interno e all'esterno) vengono a contatto con essa. Spero di avere presto la possibilità di visitarla anch'io........Vittoria Bartolucci

    RispondiElimina