NOTE PER LA CONSULTAZIONE

NOTE PER LA CONSULTAZIONE DEL BLOG:

Per leggere, scorrete la pagina verso il basso. Il blog è come una rivista che va "srotolata" anziché sfogliarla. Ogni nuovo articolo sposta in basso i precedenti, che però non vengono cancellati e restano sempre accessibili.

La grafica del blog è ottimizzata per gli schermi dei computer.
Se leggete da un telefono o tablet, vi consigliamo di tenerlo in posizione "orizzontale" e regolare bene lo zoom

Per trovare rapidamente tutti gli articoli del blog, potete utilizzare l'Indice Visuale suddiviso per categorie.
Per la ricerca di temi, luoghi o artisti specifici usate la casella Cerca nel Blog oppure l'Indice Alfabetico degli argomenti e degli artisti sul lato destro della pagina, scorrendo un poco verso il basso. Sempre sul lato destro trovate gli elenchi degli Articoli più recenti e degli Articoli più letti.

Tutti i post sono aperti a commenti. Se non avete un account Google, potete commentare come "anonimo" (vedi figura), firmando poi -se volete- nel testo del commento stesso.

Per contattarci:
Rita Castigli ritacastigli@libero.it
Aurelio Stoppini aureliostoppini@libero.it


mercoledì 25 gennaio 2012

Attorno a Caravaggio

Una bella mostra sul complesso mondo artistico del primo Seicento

La mostra si apre con questo confronto tra due opere aventi lo stesso soggetto
ma del tutto diverse: a sin. la Madonna di Loreto di Caravaggio (detta dei Pellegrini)
del 1605, a ds.la contemporanea opera di Annibale Carracci

Ancora per una decina di giorni è possibile visitare la Mostra Roma al tempo di Caravaggio 1600-1630 a Palazzo Venezia.

Per chi ama Caravaggio (e chi non lo ama?) è l'occasione per entrare in quello che era l'ambiente della pittura nel primo trentennio del secolo XVII con un atteggiamento più attento e approfondito.
Non tutti i pittori in auge allora a Roma erano “caravaggeschi”. In realtà, anche quelli rimasti fedeli ad approcci più classici ai temi trattati si muovono a livelli stellari.

Si resta impressionati dalla frequenza dei “Davide e Golia” in tante varianti sensazionali, nessuna però commovente come quella di Caravaggio. E il confronto con la sua trattazione è interessante anche per altri soggetti, come “Giuditta e Oloferne” e la”Madonna di Loreto”, l'unica sua tela esposta affiancata a quella di Annibale Carracci. La nostra sensibilità subisce irresistibilmente il fascino della umanissima Maria del Maestro lombardo e non riesce a volare con la casa e gli angeli del Maestro bolognese, troppo lontani questi, troppo vicina quella.

A sin. Davide contempla la testa di Golia (Orazio Gentileschi, ca. 1610),
 a ds. Susanna e i vecchioni (Artemisia Gentileschi, 1610)


Abbiamo trovato opere di pittori a noi cari anche perché già conosciuti a Perugia, come tre tele di Valentin de Boulogne, con la sua umanità sofferta e splendidamente perdente, e i magnifici Gentileschi, padre e figlia, virtuosi giocolieri della luce.

Valentin de Boulogne, Ultima cena (1626)
(da Web Gallery of Art)
Di sala in sala si viene investiti da vampate di energia che si sprigiona dalle oltre 100 tele, stupefacenti narrazioni fermate nell'attimo del pathos più assoluto, quando tutto si compie del destino umano e divino intrecciati senza scampo, destino che sentiamo appartenerci ancora. 

*    *    *

La mostra resta aperta fino al 5.2.2011, dalle 10 alle 19 lunedì escluso. Il biglietto dà accesso anche al Museo di Palazzo Venezia (non perdetevi il bellissimo Doppio ritratto di Giorgione).
Lunedì 6 febbraio, sempre a Palazzo Venezia, tavola rotonda sul discusso S. Agostino (presente in mostra), che alcuni studiosi attribuiscono a Caravaggio, lasciando molti dubbi ...

Nessun commento:

Posta un commento