NOTE PER LA CONSULTAZIONE

NOTE PER LA CONSULTAZIONE DEL BLOG:

Per leggere, scorrete la pagina verso il basso. Il blog è come una rivista che va "srotolata" anziché sfogliarla. Ogni nuovo articolo sposta in basso i precedenti, che però non vengono cancellati e restano sempre accessibili.

La grafica del blog è ottimizzata per gli schermi dei computer.
Se leggete da un telefono o tablet, vi consigliamo di tenerlo in posizione "orizzontale" e regolare bene lo zoom

Per trovare rapidamente tutti gli articoli del blog, potete utilizzare l'Indice Visuale suddiviso per categorie.
Per la ricerca di temi, luoghi o artisti specifici usate la casella Cerca nel Blog oppure l'Indice Alfabetico degli argomenti e degli artisti sul lato destro della pagina, scorrendo un poco verso il basso. Sempre sul lato destro trovate gli elenchi degli Articoli più recenti e degli Articoli più letti.

Tutti i post sono aperti a commenti. Se non avete un account Google, potete commentare come "anonimo" (vedi figura), firmando poi -se volete- nel testo del commento stesso.

Per contattarci:
Rita Castigli ritacastigli@libero.it
Aurelio Stoppini aureliostoppini@libero.it


giovedì 5 gennaio 2012

Corso Vannucci, Perugia: non solo moda

Un raffinato antiquario: F&F Antichità 


Nel salotto buono, la strada più bella e storicamente più importante della città, ci sono bei negozi, certamente.
Belle vetrine piene di proposte e di promesse.
Proposte per cavalcare l’onda nel suo rapido passare.
Promesse di bellezza da tenere su di sé, da portare addosso come un profumo, una crema, le ciglia finte dei manichini.
Gli autori delle vetrine, che potresti vedere identiche in qualsiasi capoluogo italiano, sembrano usciti tutti dalla stessa scuola: due o tre personaggi in un’illusione di socialità, senza un contesto che distoglierebbe lo sguardo dai capi esposti nella luce.
La dimensione del tempo è quella dell’attimo fuggente, senza spessore, senza ricordi.

Ma in Corso Vannucci c’è un altrove dove il tempo riprende il suo cammino dal passato e ci riconduce nel flusso degli eventi, ci ricolloca nella storia e riproduce in spazi di grande bellezza la condizione umana nella sua stupefacente complessità. L’arte ha questo potere. 
Un negozio d'arte è un salotto dove c'è sempre conversazione. Chi entra si trova circondato da oggetti che suscitano curiosità e riflessione e può godersi la competenza degli antiquari Fabio e Francesca che spiegano tutto con il piacere di farlo. Ogni oggetto narra una storia ed è una storia in se stesso.

Puoi incontrare lo sguardo di Perseo che, però, sembra rivolto ad una Madonna pirenaica con otto secoli sulle esili spalle lignee. Le scene campestri o i paesaggi mediterranei o nordici sono sfondi e protagonisti insieme. I personaggi dei miti o della Bibbia vivono le loro vicende sotto i nostri occhi. Anche i mobili e i gioielli raccontano lontani, ma sempre nostri, stili di vita.
Perché, in realtà, l'arte è la forma di conoscenza o comunicazione più sintetica e profonda a disposizione dell'uomo.

L'ingresso al n° 107 di Corso Vannucci 









Monetiere siciliano, XVII sec.































A. Tadolini, Testa di Perseo, XIX sec.
L.Cima, Le sartine
Statua lignea, inizio XV sec.
Cassettone, Bottega Zuccari, XVII sec.
Bigiotteria d'autore, XX sec.
Fabio Mearini nel suo negozio 

Nessun commento:

Posta un commento